Leclerc: «sono arrabbiato, ma devo calmarmi»

Ennesima qualifica da dimenticare per la Ferrari che ancora una volta non riesce a portare nessuna macchina in Q3. Sebastian Vettel è finito a muro nell’ultima parte delle Q2 e partirà 15esimo, mentre Leclerc scatterà 11esimo. Il monegasco aveva nel piede l’accesso nell’ultima sessione di qualifica, ma per una chiamata troppo frettolosa da parte del team si è trovato nel traffico di Kvyat.

Leclerc a quel punto ha provato a spingere comunque, ma la distanza con il pilota russo era troppo piccola per poter completate un giro pulito. Naturale l’arrabbiatura a fine turno per il pilota della Rossa che non ha potuto esprimere tutto il suo potenziale. «Ho avuto un messaggio alla radio in cui mi dicevano che avevo solo 1-2 secondi di margine da Kvyat, però credo che ce n’era un po’ di più rispetto a quello, visto che Ocon era molto più indietro ma è comunque riuscito a fare il giro. Adesso sono arrabbiato, ma è ancora prestoForse devo calmarmi un attimo. La gara è domani, ed è dove valgono i punti, ma sicuramente sono dispiaciuto perché è stato un weekend difficile per me. Non ho guidato molto bene fino alla qualifica. Finalmente in qualifica stavo iniziando a prendere un po’ il ritmo però ovviamente non abbiamo potuto fare vedere quale fosse il potenziale della macchina. Dunque mi dispiace».

L’unico vantaggio del partire fuori dalla top ten è la possibilità di scegliere le gomme. «Non credo che sia un vantaggio, diciamo che avrei preferito partire ottavo senza scelta gomme. Però è così e quindi cercheremo di massimizzare quello che abbiamo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *